Il periodo del Regency segna la transizione dalla mobilia francese di Luigi XIV allo stile Luigi XV, che si estende dalla fine del XVII secolo al 1730 circa. Uno stile di passaggio classico senza una fisionomia riconoscibile: le curve e le controcurve si abbinano perfettamente a linee rette e angoli, la stilizzazione dei decori fa sempre riferimento alla natura.
In Inghilterra, questo stile assume caratteristiche tipiche che si sviluppano nello stile Queen Anne: la bellezza dei mobili risiede soprattutto nella loro forma strutturale e nella qualità del legno di noce utilizzato per i rivestimenti che li coprono completamente. Le intarsiature sono realizzate con listelli di legno con le venature disposte in senso largo per delimitare le superfici rivestite. Comfort e decorazione discreta sono i tratti distintivi dello stile Queen Anne, ma in breve tempo perde la sua influenza.
A partire dal 1740, il gusto rococò si diffonde in tutta Europa, un vero trionfo dell'immaginazione e dell'assoluta libertà di espressione, che in alcuni casi si traduce in veri stili nazionali.
In Francia, ciò che avviene con lo stile Luigi XV ha precise caratteristiche formali: immobilità, deformazione, movimento e naturalismo. In questo periodo si producono un gran numero di mobili, spesso legati a una sola funzione e di piccole dimensioni. Si sviluppa una tipologia molto ampia.
La perfetta sintesi tra forma e decorazione, lo stile Luigi XV affida anche al design la scelta dei legni, che vengono tagliati e combinati in modo da valorizzare lo schema compositivo con giochi cromatici ed effetti chiaroscurali. Laminati di radica, pannelli laccati e multicolori diventano di moda. Prevale l'uso di linee sinuose.
La tecnica utilizza gli stessi strumenti del secolo precedente, anche se gli attrezzi per la scultura sono sempre più numerosi e hanno lame più sottili e affilate per creare rilievi più nitidi e taglienti. La spatola viene utilizzata per riempire le fessure e viene lucidata con gommalacca secondo un lungo e laborioso procedimento che viene infine completato con cera d'api. Si sviluppa la tendenza a nascondere gli aspetti costruttivi; i chiodi con testa rettangolare vengono forgiate in diverse dimensioni per adattarsi alle diverse parti dell'armadio; le giunture sono solitamente a coda di rondine; lo spessore del legno è più sottile.
Le sedie hanno gambe curve, perdono le traverse e l'imbottitura, diventano molto comode. Le intagli floreali sono molto diffusi, i chiodini e le serrature hanno una linea floreale e asimmetrica. Il pezzo di mobilia più importante di questo periodo è il cassettone, che può essere composto da tre cassetti sovrapposti con gambe corte o da due o quattro cassetti disposti in due file e con gambe lunghe. Una variante è il cassone del cantone. Le scrivanie sono molto diffuse, soprattutto le scrivanie a ribalta.
In questo periodo, in cui i mobili assumono funzioni specifiche, vengono creati nuovi pezzi di mobili come il toilette e il tavolo. Il toilette ha l'aspetto di una piccola scrivania con cassetti finti e l'accesso ai compartimenti per il trucco avviene dall'alto attraverso tre nuclei, quello centrale è uno specchio a ribalta che può assumere diverse posizioni. Il tavolo da gioco, simile nella forma e nella decorazione alla console, è disponibile in diverse versioni (con inserti, a fisarmonica, telescopico e con cassetti) per soddisfare al meglio la funzione per cui è destinato.
In Inghilterra, tra il 1760 e il 1790, si sviluppa lo stile Chippendale, che riunisce diverse correnti artistiche e sovrappone elementi del rococò, del gotico e dei cinesi. I mobili Chippendale si distinguono per l'uso del mogano di Cuba, decorato con intarsi fini, motivi di urne, mazzetti di bacche e teste di leone.

In Italia, il Rococò, anche chiamato Barocchetto, arriva tardi ed è ispirato da Luigi XV. Grande fortuna, soprattutto a Venezia, conosce i mobili laccati: il colore, la tempera, viene applicato su una stuccatura e fissato con la sandracca, una resina trasparente che nel tempo si ossida, assumendo una tonalità giallastra. È noto anche il Nero Cina, una varietà di laccature di ispirazione orientale, anche in rosso, che propone temi e motivi esotici nei decori.
Dopo un breve periodo chiamato Transition, che propone nuovi modelli decorativi senza abbandonare completamente le forme del periodo precedente, negli ultimi trent'anni del XVIII secolo si risveglia l'interesse per l'arte classica greca e romana. Così lo stile neoclassico si afferma in tutta Europa, assumendo in Francia le forme dello stile Luigi XVI: prevalenza di linee rette, elementi decorativi più piccoli, pannelli di solito laccati in nero e oro, impiallacciature lisce e l'uso del bianco sono le caratteristiche distintive. In breve, il riferimento all'antichità classica come fonte di ispirazione nella ricerca dell'armonia e delle proporzioni diventa molto importante.
Per la decorazione delle superfici dei mobili si diffonde l'uso delle tecniche di intarsio e intarsio che compongono minutosi mosaici in cui le tessere all'interno del disegno sono disposte con diverse venature per ottenere effetti luminosi e scuri. Il risultato è che vengono utilizzate una varietà di legni (fino a cento diverse qualità) e i valori dell'immagine prodotti vengono attraversati da una soluzione di alcool gommalacca, lasciando passare fino a dieci strati successivi per ottenere una finitura quasi specchiata.
Lo spessore del legno, sia per la costruzione che per i pannelli, diventa sempre più sottile; gli elementi dei mobili vengono collegati tra loro con chiodi lunghi e sottili e giunti che vengono sigillati con l'uso di una colla molto resistente. Molta attenzione viene dedicata alla levigatura, per la quale si può ora utilizzare la carta vetrata (nuovo strumento di levigatura ottenuto attaccando sabbia di diverse granulometrie su lastre di cartone con adesivo). Cominciano a comparire le prime serrature incassate per gli accessori.
Sotto l'influenza della moda inglese, le impiallacciature di mogano diventano di moda e sostituiscono le intarsi più piccole e fantasiose in molti mobili. Le gambe dei mobili sono una sintesi delle forme rette, enfatizzate verso l'alto da scanalature o spirali, e bronzo dorato viene applicato a strisce o rettangoli.
Il pezzo di mobili più interessante di questo periodo è la scrivania segretaria, dotata di diversi cassetti, ante, scomparti segreti e un piano di scrittura. Il letto neoclassico (che nel frattempo ha assunto in gran parte la forma a due piazze) di solito ha due testate e pediere della stessa altezza, decorate con cartelle perforate o imbottite con una struttura quadrata. Tecnicamente, per le giunzioni vengono utilizzate viti testa cilindrica, cioè viti con fori sfalsati sulla testa cilindrica in cui può essere inserita una chiave per girare.
Alla fine del secolo si sviluppa lo stile Direttorio, legato a un classicismo accademico e teatrale.
In Italia, il neoclassicismo è più vicino allo stile imperiale che all'epoca greco-romana e si caratterizza per la sua sobrietà senza troppi fronzoli. A Firenze la scagliola (una pasta di marmo) viene utilizzata come materiale più economico per i piani dei tavoli; a Milano Giuseppe Maggiolini, il più famoso designer italiano di mobili intarsiati, utilizza per le sue creazioni un impiallacciato molto accurato, di un classicismo delicato e moderato e rigorosamente rettangolare. In Italia i mobili neoclassici sono stati prodotti fino alla fine del XIX secolo.

Forum - Antiquariato

Mercatino Online

Music Box Regina
(Mobili / Altro)

Music Box Regina
22-06-2024

Ottomana
(Mobili / Divani)

Ottomana
18-02-2024

Due comodini in Arte Povera
(Mobili / Comodini)

noimage
04-06-2023

Mercatini più votati.